❀ Benvenuti nel mio angolino


The scent of magic
Tra le pagine di un mondo virtuale mi perdo e mi ritrovo, alla ricerca di me stessa e del mondo...
Qui troverete pensieri, emozioni, ricordi, sogni e speranze, per condivedere con voi il mio mondo attraverso la scrittura e le immagini.
Benvenuti nel mio angolo e buona navigazione!
Avvertitemi (linkando il vostro sito/blog) se prelevate qualcosa, grazie.
N.B.: gli scritti, le poesie e i lavori di grafica presenti, ove non sia specificata una diversa fonte, sono mio copyright e non sono riproducibili, interamente o in parte, senza il mio consenso.
NO commenti offensivi, spam, blogwalking e blog/siti a scopo di lucro e/o con contenuti pornografici.

Puoi votarmi qui: classifica siti

The scent of magic

mercoledì 9 novembre 2011

Le scimmie urlatrici


Da quattro anni e più sono coinvolta in un'importantissima ricerca che si basa sullo studio dei comportamenti degli individui nella società ed in modo particolare la mia ricerca ha per soggetti le diversificate tipologie di individui che si possono incontrare in treno nelle diverse ore del giorno.

Generalmente si incontrano tipologie dai caratteri ben definiti. Vediamo insieme alcuni:




  • individuo singolo e/o chiuso nel suo mondo, ovvero iundividui che pur essendo seduti in gruppo nei 4 posti del vagone non si degnano di uno sguardo nè di una parola essendo ognuno presente lì in quel momento per proprie diversificate operazioni e volontà, che tendenzialmente si rifugiano nella lettura di un buon libro, di un quotidiano, di una rivista o si estraneano completamente dal mondo esterno con l'uso di auricolari ed mp3;


  • individuo sleepy, ovvero colui che tende ad addormentarsi facilmente, o comunque appisolarsi (sperando di non cascare sulla spalla di chi, malcapitato, gli siede di fianco), cullato dal movimento del treno e dallo scorrere veloce dei paesaggi, generalmente individuo singolo;


  • l'altezzoso, colui che per raccontare di sè usa sempre toni molto concitati e forti, spesso appiccicato ad un apparecchio cellulare col quale preferisce aumentare maggiormente il tono della voce riferendosi al proprio lavoro (NB: questo tipo di individuo può essere molto pericoloso per lo stato mentale del malcapitato che gli capita affianco, stressandolo con l'incessante tuonare della sua voce), generalmente singolo, accompagnato da altra categoria;


  • il sottoposto, colui che non reagisce a niente, che siano spintoni, doccia dovuta a finestrini aperti, giochi psicologici da parte di chi li vuole sopraffare, generalmente in branco o singolo;


  • il furbo, che dire, chi riesce a trovare sempre una scappatoia, a partire dal posto a sedere;


  • chi ci prova, chi ci prova, con giochetti psicologici (del tipo parlare con l'amico/a appena tu cominci a leggere) per farti alzare e cedergli il posto, generalmente in branco, altrimenti il gioco non resta in piedi;


  • l'oca starnazzante, sempre in compagnia di suoi/sue simili (generalmente di sesso femminile, ma di tanto in tanto anche il genere maschile non disdegna di ricoprire tale ruolo), che racconta ridacchiando, o meglio starnazzando, esperienze peronali e non, lanciando risate sguaiate intorno e fregandosene altamente dello stato emotivo e fisico degli altri passeggeri;


  • iperactive guy, individuo alquanto iperattivo nella conversazione, nei gesti e nei modi, indipendentemente dalla conoscenza a priori degli individui con cui ha a che fare;


  • l'antipatico e/o presuntuoso e/o ipocrita, tre qualità che descrivono perfettamente ed in modo sintetico queste tipologie di individui;


  • il/la fuori di testa, beh che dire, ogni tanto anche di questi tipi si incontrano, generalmente innocui, ma, sapete come si dice, "non disturbare il cane che dorme";


  • il suonatore, individui che con le loro fisarmoniche vanno incerca, per una manciata di note di qualche spicciolo;


  • il bleffatore, categoria simile alla precedente, se non fosse che, pur essendo in cerca di qualche spicciolo, non se li guadagna, ma solo impara una pappardella a memoria e la ripete sempre uguale, come fosse una filastrocca;


  • il rompibolle, quello che ha da ridire su tutto e tutti, che non gli sta mai bene niente, che quando un vagone intero indossa sciarpe, cappelli, piumoni e guanti, anche lui tutto inguattato "chiede gentilmente di aprire i finestrini", anche se fuori piove e i malcapitati devono subirsi una doccia;


  • le scimmie urlatrici, dulcis in fundo, almeno secondo l'ultima stima redatta (se ne ho dimenticato qualcuno nell'elenco lo aggiungerò poi), la categoria composta da ragazzini (generalmente di genere maschile) che appena trovano uno spazio tra i vagoni completamente libero iniziano a saltare, urlare, darei calci e pugni alle porte dei treni, spesso tentando (talvolta con barbaro successo) di aprirle mentre il treno è ancora in movimento, si arrampicano alle aste generalmente usate da chi, in piedi nei corridoi, cerca di mantenersi in posizione eretta mentre il treno frena, sparano versi a raffica e starnazzano peggio delle oche.



Ecco, vorrei soffermarmi giusto pochi secondi su quest'ultima categoria per dire:

MA DA DOVE SIETE USCITI??? PERCHè NON RITORNATE NELLE VOSTRE GABBIE?? Beh... dai magari sono stata un po' dura... poverini...perchè chiuderli in cattività... mmmm... facciamo così... PERCHè NON RITORNATE NEL VOSTRO HABITAT NATURALE?? Qualunque esso sia... tanto so già che non sono i "luoghi comuni".

Giusto due parole anche ai malcapitati viaggiatori del momento:

Gente, se incontrate questo tipo di persone, distogliete immediatamente lo sguardo e non commentate... Fate finta che la cosa non sia di vostro interesse... Le scimmie urlatrici hanno un punto debole che, al contempo, li rende anche forti: l'osservatore. Se non si sentono osservate non si possono mettere in mostra, poichè le scimmie urlatrici amano mostrarsi al pubblico, ma se il pubblico non le calcola per niente, allora sono costrette a spostarsi in branco per cercare luoghi più felici per le loro esibizioni. Dunque il fenomeno scema e i passeggeri possono dirsi finalemnte liberi dal giogo, in quanto, non riuscendo a trovare terreno fertile, le scimmie urlatrici tendono a fermarsi nella prima stazione utile dopo l'esibizione andata male.


3 commenti:

  1. Muhuahahahahaha tesoro pensavo fosse una ricerca seria! MA daiii è un post favoloso! Complimenti! La mia categoria? Ummm hey ma qui ci sono solo categorie brutte :P al limite individuo sleepy... :P comunque le scimmie urlatrici sono le peggiori hai ragione!

    POST DA OSCAR, complimenti... ^^
    Grazia

    RispondiElimina
  2. Raki, il pezzo ci sta, ma la musika di sottofondo nn la reggo proprio...parli scimmie urlatrici mettici un pezzo forte km base! ;-)  .... per nn parlare dell'espressione "luoghi felici" trpp azzeccata... in tto qst, ma nn dovremmo exere a studiare!? O.o' skerzo ovviamente eh!

    RispondiElimina
  3. Concordo: i cretini sono animali di branco e senza il branco perdono forza...Son fatti per esser presi a legnate ma purtroppo nessuno gliele dà mai.

    RispondiElimina

Grazie per aver letto i miei pensieri

Lascia un commento per farmi sapere cosa ne pensi, perchè i tuoi commenti alimentano il mio blog ;)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

❀ Lettori fissi